Il primo vero problema dell’Italia? L’informazione in mano al potere

Fino a chè i giornali saranno sovvenzionati (comprati) dai politici (con i nostri soldi) e le televisioni saranno in monopolio nelle mani dei Berlusconi e dei DeBenedetti (o di chi passa in quel momento, come la rai) in Italia la casta potrà continuare a fare quello che vuole, tanto solo chi si informa su internet saprà, ma i milioni di italiani che si informano solo con tv e giornali (medio anziani, medio bassa cultura) non sapranno mai nulla e continueranno a votare questi ladri malfamati (destri e sinistri) che attualmente occupano le nostre istituzioni, fornendo quel serbatoio di voti che garantisce loro vita eterna (qualsiasi cosa facciano, pagassero persino minorenni per sesso o corrompessero giudici, o facessero leggi nei loro interessi – per esempio)

Cessare la sovvenzione pubblica ai giornali e spezzare il monopolio televisivo con una buona legge sul conflitto d’interessi (nessuno dovrebbe possedere più di un tot % di una sola televisione o giornale) è la nostra unica possibilità per incominciare a cambiare le cose in questa nazione malata da 40 anni e in metastasi diffuse ormai ovunque.