Bilderberg, Trilateral e Aspen Insitute italia

Ora, se stupisce l’improvvisa trasformazione dell’inviata di punta e soprattutto di tacco di Repubblica in una Dan Brown in gonnella, soprende ancora di più l’elenco dei nomi contenuto nel suo articolo. Già, perché una volta detto che Bilderberg, Trilateral e Aspen Insitute manovrano i nostri destini, bisogna anche dire chi sono i loro emissari. Eccoli qua.

Al Bilderberg sono passati, tra gli altri, Monti, Draghi, Padoa Schioppa, Siniscalco, Prodi. «Ogni tanto qualche giornalista (Lilli Gruber, per dire, ndr) una volta Veltroni, Emma Bonino». Nell’entourage della potentissima banca d’affari Goldman Sachs sono transitati Prodi, Draghi, Monti, Gianni Letta. Massimo D’Alema, invece, ha avuto un «rapporto che sarebbe durato nel tempo» con Clinton, mentre Prodi «voleva essere ricevuto subito, ma non si poteva». Quanto all’Aspen, «in Italia conta su Amato, Prodi e D’Alema». La Trilateral «fondata da Rockefeller (…) Monti l’ha presieduta fino al 2011. La frequentano la consulente per la politica estera di D’Alema Marta Dassù (…), Enrico Letta…». Apprendiamo qualcosa pure su Scalfaro. Con lui al Colle, «c’è il ciclone Mani Pulite» che dà «spazio a una generazione nuova. Più avvezza all’uso di mondo, alle relazioni internazionali, alla lingua degli uomini d’affari. È dal denaro, adesso, dalla finanza che passano gli interessi politici. (…) È ai banchieri che si ricorre quando la politica tace o sobbolle di sue interne diatribe».

Estratto di un articolo di Byoblu >>

La storica sinistra italiana. Per non dimenticare

La Torre, campione mondiale di arrampicamento sugli specchi …

Craxi accusa Napolitano di aver taciuto sul finanziamento illegale del PCI

Durante il processo Cusani, Bettino Craxi accusa l’allora Presidente della Camera Giorgio Napolitano di aver taciuto sul finanziamento illegale dell’Unione Sovietica verso il PCI.

Clicca qui se vuoi scaricare questo video. Qui se vuoi scaricare l’audio mp3.

Scudo fiscale, le giustificazioni del Pd

Come passò quel reglo ai delinquenti dello scudo fiscale? Grazie alla tattica assenza di alcuni parlamentari dell’opposizione, tra cui Dalema. Ecco le giustificazioni di Dalema … (una cosa importante … non me l’avevano detto … colpa di altri) E intanto i soldi dei vari Lusi e Belsito, assieme a quelli della mafia, rientravano al 5% e in totale anonimato (ma com’è che all’estero non li fanno così gli scudi fiscali? Meno ladri tra i politici a decidere?)