insulti tra Sabina Guzzanti e Capezzone (e perchè)

Botta e risposta al vetriolo tra Sabina Guzzanti e Daniele Capezzone all’Hotel Nazionale, durante una conferenza stampa sull’ex Cinema Palazzo di Roma, occupato tre mesi fa da un comitato di cittadini che si oppongono alla sua destinazione in casinò. Durante un’accesa discussione in sala, l’attrice è intervenuta scatenando l’ira del portavoce del Pdl, presente in qualità di portavoce della Camene spa, la società che ha intenzione di costruire nel centro di piazza dei Sanniti un centro di gioco d’azzardo legale. Capezzone, che illustrava la richiesta di sgombero dell’ex cinema “occupato abusivamente e mettendo in pericolo la salute degli occupanti per la presenza di amianto e il rischio incendi”, ha replicato alle domande di Sabina Guzzanti urlando: “Miliardaria”
Non è chiara la compagine dell’operazione progettata per l’ex cinema di San Lorenzo: restano infatti ignoti i nomi dei reali soci della quota del 30 per cento, protetti da una fiduciaria, la Stube, già proprietaria del Salaria Village Club, il centro dove l’ex capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, si recava per sottoporsi a massaggi. Gli unici soci della Camene di cui si ha notizia sono Diana Baldoni, Giuseppe Todini e Monica De Franceschi

Leggi l’articolo della Guzzanti che ben spiega il problema in discussione >>

Capoccione … capocciooooneeee … capoccione …